Tutto il resto è scienza

universo-galassia-ngc-1569

Si è soliti parlare di “miracoli” quando ci si trova di fronte ad eventi che non trovano una spiegazione razionale se confrontati con le normali osservazioni quotidiane della vita. C’è chi grida al miracolo nel vedere statue di madonnine piangere sangue, o ancora, nel vedere estratto vivo un neonato dalle macerie di un terremoto dopo molti giorni, anche se poi quello stesso terremoto ha provocato migliaia di morti.

Molti si stupiscono poi davanti alle cosiddette guarigioni spontanee, guarigioni improvvise ed inspiegabili da malattie senza cura. Cartelle cliniche che non lasciano alcuna speranza per l’ammalato sono seguite, nel giro di poche ore, da situazioni di completa guarigione dello stesso. Situazioni nelle quali la scienza si arrende, non sapendo dare per l’evento nessuna spiegazione razionale. Anche in questi casi si parla allora di miracolo, di evento soprannaturale o intervento divino; a volte addirittura per bocca degli stessi medici.

Seguendo questa logica mi chiedo però perché non ci si stupisca allo stesso modo anche davanti all’insorgere di quelle stesse malattie e non si ritenga quindi anche l’ammalarsi stesso un evento miracoloso. Perché in fondo non sappiamo nulla ne dei meccanismi che ci portano ad ammalarci ne di quelli che ci portano a guarire spontaneamente.

In altre parole, penso che guardare ai miracoli come eventi durante i quali le leggi naturali appaiono non essere più valide sia un atto di grande presunzione, poiché questo presuppone da parte nostra la conoscenza completa e puntuale di tali leggi.

Credo invece che se c’è una cosa, di fronte alla quale vale veramente la pena meravigliarsi, questa cosa è l’ esistenza. L’esistenza nell’accezione più ampia. Esistenza degli uomini e degli animali, ma anche delle piante, dell’acqua e della terra e di tutte le altre cose attraverso cui la materia prende forma. Si, la cosa di cui meravigliarsi è l’esistenza, dell’essere qui, in questo momento, su questo pianeta immerso nell’immensità di un universo fatto di miliardi di miliardi di corpi celesti.

Credo che il vero grande miracolo, che racchiude poi tutti gli altri, sia quello della esistenza della materia con le sue leggi che ne regolano il comportamento. Tutto il resto è scienza.