Deportati in metro


Con il termometro che segna più di trenta gradi centigradi, un’afa soffocante e la carrozza piena all’inverosimile sembra di stare più su un treno per deportati che in quello di una metropolitana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *