Romenosciacalli, telesciacalli e mafiosciacalli

Sciacalli che si contendono una preda [Immagine liberamente scaricata dalla rete]
Rifletto sui fatti che si stanno verificando in Abruzzo dopo la tragedia del terremoto e vedo che anche nel mondo degli sciacalli, come in quello degli uomini, ci vuole fortuna ad occupare il giusto posto. Vedo che non tutti gli sciacalli sono uguali, ma ci sono razze diverse.

Infatti, oltre alla ben nota specie dei romenosciacalli, quella più facile da avvistare e catturare ed i cui esemplari rubano tra le macerie, ce ne sono molte altre, ben più difficili da riconoscere.

Per esempio ci sono gli sciacalli con microfono, anche chiamati audiosiacalli, che intervistano, con domande idiote, poveri cristi disperati in lacrime. I telesciacalli, che snocciolano le cifre record degli ascolti TV nei giorni della tragedia. Gli sciacalloshow che parlano, parlano e si commuovono in diretta. I bugiardosciacalli che ripromettono ciò che un tempo avevano già promesso e che non hanno poi mantenuto. E poi ci sono i mafiosciacalli, quelli che si occuperanno della ricostruzione.

Treno in corsa

Immagine di un treno
Quando penso al sistema economico mondiale mi viene sempre in mente un film che ho visto molto tempo fa. In questo film il cattivo di turno piazzava su un treno in corsa un dispositivo che avrebbe fatto esplodere una bomba se il treno fosse sceso al di sotto di una certa velocità. Oggi l’umanità intera è su quel treno e per non saltare in aria è costretta correre sempre più forte con il rischio quindi di deragliare da un momento all’altro.