Alien: Covenant

Lo aspettavo da tempo questo film, ma purtroppo si è rivelato una mezza delusione. Nonostante la scena iniziale facesse ben sperare, la trama è stata – come il titolo faceva temere – molto più Alien che Prometheus.

Bella la prima parte fino all’atterraggio dell’equipaggio sul pianeta degli ingegneri: il ritmo, l’ambientazione dell’astronave, la fotografia. Molto meno efficace invece la seconda, dove il film passa dalla fantascienza all’horror splatter; bisogna anche dire però che grazie agli ottimi effetti speciali la creatura mostruosa è la più credibile di sempre.

Purtroppo la storia tradisce in pieno l’attesa generata dal bellissimo finale di Prometheus: l’interrogativo della dottoressa Shaw, che si chiedeva perché i creatori degli uomini avessero deciso poi di sterminarli, viene messo da parte (definitivamente?) quando l’androide David stermina gli ingegneri scaricando su di loro una pioggia batteriologica di Xenomorfi; un’astuta mossa per sfuggire allo spinoso, per le implicazioni di carattere religioso, quanto difficile da trattare tema dell’origine dell’umanità.

Inverosimile, per non dire ridicolo, il fatto che i membri dell’astronave Covenant non si pongano nessuna domanda sulle strabilianti cose trovate sul pianeta degli ingegneri: né sulla mastodontica costruzione del tempio nè tanto meno sulle migliaia di cadaveri di esseri giganti che giacciono davanti ad esso.

I personaggi hanno poco carattere; addirittura ridicolo quello del timido capitano che non riesce a gestire il proprio equipaggio. Noioso il dialogo tra i due androidi, grottesco il loro combattimento. Il finale a sorpresa recupera comunque un po’ in freschezza lasciando aperte molte porte per un eventuale seguito.

Visita a Maierà ed al “Museo del Peperoncino”

20170427_103917

Passeggiando per i vicoli del paese abbiamo potuto osservare alcune installazioni di arte moderna: un’insolita commistione tra passato e modernità. Molto caratteristico anche il paesaggio con un profondo burrone che separa il paese dal vicino comune di Grisolia. Interessante il “Museo del Peperoncino” che ci ha fatto conoscere molti aspetti legati al cosiddetto “oro rosso”. … Continua la lettura di Visita a Maierà ed al “Museo del Peperoncino”

… dovrà pur esistere una vita prima della morte